NEWS & EVENTI


NEWS 22/03/2023
PUBBLICATA LA PROPOSTA SU "GREEN CLAIMS"
La Commissione Europea ha pubblicato ieri la tanto attesa proposta “Substantiating Green Claims Directive”

     

    La proposta contiene criteri comuni per contrastare il greenwashing e le asserzioni ambientali ingannevoli. I consumatori beneficeranno di maggiore chiarezza e di maggiori garanzie del fatto che un prodotto venduto come ecologico lo sia effettivamente, nonché di informazioni più complete per scegliere prodotti e servizi rispettosi dell'ambiente. A beneficiare di queste nuove norme saranno anche le imprese, poiché quelle che si sforzano realmente di migliorare la sostenibilità ambientale dei loro prodotti saranno più facilmente riconosciute e premiate dai consumatori.

    Secondo la proposta, le imprese che scelgono di presentare una "autodichiarazione ambientale" riguardante i loro prodotti e servizi dovranno rispettare norme minime sulle modalità per suffragare e comunicare tali autodichiarazioni.

    La proposta riguarda le autodichiarazioni esplicite, quali: "T-shirt realizzata con bottiglie di plastica riciclata", "consegna con compensazione di CO2", "imballaggio in plastica riciclata al 30%" o "protezione solare rispettosa degli oceani". Intende inoltre contrastare la proliferazione dei marchi e la questione della creazione di nuovi marchi ambientali pubblici e privati. La proposta riguarda tutte le autodichiarazioni volontarie riguardanti gli impatti, gli aspetti o le prestazioni ambientali di un prodotto, di un servizio o l'operatore stesso. Tuttavia, esclude le autodichiarazioni disciplinate dalle norme esistenti dell'UE, come il marchio Ecolabel UE o il logo degli alimenti biologici, in quanto la legislazione in vigore garantisce già l'affidabilità di tali dichiarazioni regolamentate. Le autodichiarazioni che saranno contemplate dalle future norme regolamentari dell'UE saranno escluse per lo stesso motivo. 

    Prima che le imprese possano comunicarle ai consumatori, le "autodichiarazioni ambientali" contemplate dalla proposta dovranno essere verificate in modo indipendente convalidate da prove scientifiche. Nel quadro dell'analisi scientifica, le imprese dovranno identificare gli impatti ambientali che sono effettivamente pertinenti per i loro prodotti, come anche gli eventuali compromessi tra i vari impatti, onde fornire un quadro completo e accurato.

    Diverse norme garantiranno che le autodichiarazioni siano comunicate in modo chiaro. Saranno vietate le autodichiarazioni o i marchi che utilizzano il punteggio aggregato dell'impatto ambientale complessivo del prodotto, tranne se rientrano nelle norme dell'UE. I confronti tra prodotti o organizzazioni dovrebbero essere fondati su informazioni e dati equivalenti.

    La proposta disciplinerà anche i marchi ambientaliAttualmente esistono almeno 230 marchi diversi, cosa che genera confusione e sfiducia nei consumatori. Per controllare la proliferazione di tali marchi, non saranno consentiti nuovi sistemi pubblici di etichettatura, a meno che non siano sviluppati a livello dell'UE, e qualsiasi nuovo sistema privato dovrà dimostrare di perseguire obiettivi ambientali più ambiziosi rispetto ai sistemi esistenti e ottenere un'approvazione preventiva. Esistono norme dettagliate riguardanti i marchi ambientali in generale, che devono essere affidabili, trasparenti, verificati in modo indipendente e periodicamente riesaminati.

    Prossime tappe 

    Conformemente alla procedura legislativa ordinaria, la proposta di direttiva sulle autodichiarazioni ambientali sarà sottoposta all'approvazione del Parlamento europeo e del Consiglio. 

    Contesto 

    La proposta odierna integra la proposta del marzo 2022 sulla "responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde" stabilendo norme più specifiche in materia di asserzioni ambientali, oltre a un divieto generale di pubblicità ingannevole. La proposta odierna è inoltre presentata unitamente a una proposta riguardante norme comuni volte a promuovere la riparazione dei beni, che contribuirà anche al consumo sostenibile e rafforzerà l'economia circolare.

    La proposta odierna concretizza un impegno importante preso dalla Commissione nel quadro del Green Deal europeo. Insieme alla proposta relativa a norme comuni volte a promuovere la riparazione dei beni, si tratta del terzo pacchetto di proposte sull'economia circolare. Il primo e il secondo pacchetto sull'economia circolare sono stati adottati nei mesi di marzo e novembre 2022.  Il primo pacchetto comprendeva la nuova proposta di regolamento sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili, la strategia dell'UE per prodotti tessili sostenibili e circolari e la proposta di direttiva sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde. Il secondo pacchetto comprendeva la proposta di regolamento sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, la comunicazione sulle plastiche a base biologica, biodegradabili e compostabili e la proposta di regolamento su una certificazione europea degli assorbimenti di carbonio. 

    Per ulteriori informazioni 

    Proposta di direttiva relativa alle nuove norme sulla verifica delle autodichiarazioni ambientali

    Domande e risposte: Nuove norme sulla verifica delle autodichiarazioni ambientali

    Scheda informativa

    Pagina web sulle autodichiarazioni ambientali

     

    Proposta di direttiva relativa a norme comuni per promuovere la riparazione dei beni

    Comunicato stampa - Promuovere la riparazione e il riutilizzo

    Domande e risposte - Promuovere la riparazione e il riutilizzo

    Promuovere la riparazione e il riutilizzo – sito web




    ALTRE NEWS

    • NEWS11/04/2024
      ACCADEMIA OUTDOOR PRO 2024: apprezzato il cambio formatGrande soddisfazione espressa dai retailers e dai brand presenti a Verona ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS11/04/2024
      GET IP AND PLAY PATENT BOX: Q&A SUL NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATOAbbiamo rivolto alcune delle domande più frequenti in tema di Patent Box e deduzione sulle spese legate agli strumenti di propriet ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS08/04/2024
      ACCADEMIA OUTDOOR PRO 2024: SONO APERTE LE ISCRIZIONI!8 APRILE HOTEL EXPO VERONA ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS18/03/2024
      CBAM: Q&A RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE RITARDATALa Commissione Europea ha comunicato in data 29 gennaio di essere al corrente che problemi tecnici al registro CBAM hanno impedito ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS25/03/2024
      POOL&FITNESS CONTACT: LA TERZA EDIZIONE IN TOSCANA SI CONFERMA UN SUCC...Castagneto Carducci (LI), 21 e 22 marzo 2024 ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS22/03/2024
      MERCATO BICI, ANCMA: 2023 CHIUDE A - 23%, MA CONFRONTO CON PRE-COVID E... ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS06/03/2024
      IL SETTORE FITNESS IN USA ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      DIRETTIVA GREEN CLAIMS: NEGOZIATO INTERISTITUZIONALE RINVIATO ALLA PRO... ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS06/03/2024
      COLLETTIVA ITALIANA A IHRSALos Angeles, 6-8 marzo 2024 ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      SPESA PER CAPI SPORTIVI IN NORVEGIA È IL TRIPLO DELLA MEDIA UE ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS21/02/2023
      Riguarda gli interventi dei nostri ospiti all'Assemblea Generale "Lo S...Tanti interventi per raccontare lo sport declinando il tema secondo 5 aree: economia, engagement, innovazione, motivazione e inclu ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS12/02/2024
      PASSAPORTO DIGITALE PER I PRODOTTI TESSILIAperta fino al 16 febbraio 2024 la survey per valutare le categorie di informazioni da includere nel DPP ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS13/02/2024
      PFAS: gli obblighi di rendicontazione negli Stati UnitiL'EPA ha pubblicato nuove regole di rendicontazione che si applicano ai produtttori e importatori anche di prodotti finiti ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS21/03/2024
      POOL&FITNESS CONTACT 2024La terza edizione dell'iniziativa si terrà il 21 e 22 marzo all'interno dell'esclusivo Tombolo Talasso 5* Resort di Castagneto Car ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS08/02/2024
      Prodotti tessili: pubblicata la versione aggiornata della norma sui si...a cura di ZPC srl ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS01/02/2024
      LO SPORT ALLENA ALLA VITARivivi tutte le emozioni della giornata ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS30/01/2024
      Via libera definitivo dal Parlamento europeo: adottata la Direttiva su... ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS18/01/2024
      DIGITAL EXPORT ACADEMY PER LE AZIENDE DELLO SPORTSYSTEMParte il 6 febbraio il percorso formativo Digital Export Academy® in collaborazione con ICE Agenzia per la promozione all'estero e ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO IOG VILLAGE A PROWINTERSi è svolta a Bolzano dal 10 al 12 gennaio la fiera Prowinter, fiera B2B di grande rilievo per i negozianti e noleggiatori di arti ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS01/02/2024
      LO SPORT ALLENA ALLA VITAPartecipa all'Assemblea Generale Assosport a Verona il 1 febbraio ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS15/12/2023
      STORIE DI BRAND - SPECIALE MONTAGNA REGISTRA OLTRE 150.000 ASCOLTICon una bella sorpresa anche dal wrapped 2023 ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      ITALIAN VILLAGE A ISPO MUNICH L'IOG di Assosport ha organizzato un Italian Village di 800 mq con 12 brand associati ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      PROWINTER 2024: PRESENTATE TUTTE LE NOVITA'Si è svolta questa settimana la conferenza stampa di presentazione di tutte le novità che andranno in scena in occasione di PROWIN ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS
      AL VIA ISPO MUNICH 2023!IOG di Assosport organizza un Italian Village nel pad. A3 ...
      LEGGI TUTTO
    • NEWS15/11/2023
      SOSTENIBILITA’, CONFINDUSTRIA: CONSUMATORI GUIDATI DA QUALITA’ E PREZZ... ...
      LEGGI TUTTO




     



     

    assosport@assosport.it
    Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
    c/o CONFINDUSTRIA VENETO
    Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
    c.f. 00937310159
    assosport@assosport.it
    Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
    c/o CONFINDUSTRIA VENETO
    Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
    c.f. 00937310159