NEWS & EVENTI


NEWS 27/05/2024
PEDALANDO SI IMPARA: LA PAROLA AGLI ESPERTI DELLA BIKE INDUSTRY PER FARE UNA FOTOGRAFIA AL SETTORE
Tra luci e ombre, il mondo dell'abbigliamento e filiera, della calzatura e dell'accessorio bike ci raccontano quali sono le attese per il 2024 e 2025

ALESSIO CREMONESE

Amministratore Delegato Manifattura Valcismon S.p.A. - Vice Presidente Assosport

 

ANCMA annuncia che il mercato bici nel 2023 chiude a -23%. Come valutate questo calo?

È fondamentale fare una distinzione nel valutare questi dati. Il report ANCMA analizza principalmente il comparto attrezzo/metallo (bici, selle, cambi, ruote), che sta attraversando una fase di forte destocking della filiera. L'abbigliamento e gli accessori, invece, sono stati colpiti in misura minore da questo fenomeno e siamo riusciti a mitigarlo abbastanza rapidamente.

La differenza è dovuta alle caratteristiche intrinseche dei prodotti. L’abbigliamento e gli accessori vengono spesso cambiati per moda o piacere, mentre la sostituzione di una bici è meno frequente, anche per ragioni economiche. Una bici è fatta per durare nel tempo, un capo di abbigliamento può essere rimpiazzato o integrato più facilmente.

Qual è la situazione del comparto abbigliamento e accessori nel post-covid?

Dopo il covid, il comparto ha vissuto un paio d’anni di rallentamento a causa degli eccessivi volumi di stock, che di recente siamo riusciti a ridurre notevolmente. I primi risultati positivi li abbiamo visti con la campagna di sell-in della stagione fall/winter 2024/2025, e notiamo un lieve recupero nei volumi di riordino del sell-out estivo che ci fa ben sperare.

Per il 2024 prevediamo un anno "flat" in termini di numeri, con un leggero calo nel primo semestre che contiamo di riequilibrare nel secondo. Ci aspettiamo una ripresa più decisa nel 2025. Per la filiera produttiva, il ritorno a volumi ragionevoli potrebbe avvenire non prima della fine del primo semestre 2025.

Nonostante le fluttuazioni post-pandemiche, possiamo osservare una crescita del mercato globale della bicicletta. Il covid ha avvicinato molti nuovi appassionati al mondo del bike, creando una bolla di surplus di ordini che ha portato a una frenata inevitabile, ma oggi la situazione si sta stabilizzando grazie anche ai numerosi nuovi appassionati che si sono avvicinati al nostro settore tra il 2020 e il 2021.

Qual è il ruolo degli eventi sportivi nella promozione del settore bike?

I grandi eventi sono stati fondamentali per promuovere la pratica del ciclismo. Il Giro d'Italia, ad esempio, non solo promuove lo sport, ma valorizza anche i territori italiani, mostrando luoghi inediti e nascosti. Lo sport è un canale straordinario per veicolare il Made in Italy e il cicloturismo è in costante ascesa, con un valore stimato intorno ai 5,5 miliardi di euro.

Qual è la vostra visione sul futuro del settore?

Non vediamo il nostro comparto in crisi, ma piuttosto in via di definitivo assestamento dopo un periodo di boom eccezionale. Con il consolidamento del cicloturismo e l'interesse crescente verso il ciclismo, siamo ottimisti sul futuro del nostro settore.

 


ANDREA BRAMBILLA

CEO MAB - Presidente Gruppo Assosportex di Assosport

 

Qual è la situazione della filiera rispetto alle aziende che trattano abbigliamento e accessori?

La filiera si trova in una situazione decisamente più complicata rispetto alle aziende di abbigliamento e accessori. È importante distinguere tra la vendita al pubblico e l'acquisto di materiali per il restock.

Come è cambiato il mercato delle biciclette prima e dopo la pandemia?

Prima della pandemia, il mondo del ciclo era in crescita e stava attirando l'attenzione di vari fondi di private equity. Dopo il covid, il settore è esploso con un tasso di crescita del 45-50%, e l'interesse dei fondi è aumentato notevolmente. Questi fondi di private equity nel tentativo di ottenere rapidamente plusvalenze e rientrare con molta velocità degli investimenti hanno pompato il mercato. Nel 2022, ci siamo resi conto che i magazzini erano pieni di invenduto a causa del sgonfiamento della bolla.

L’arresto del trend di crescita ha un avuto un impatto drastico sulla filiera: il calo degli ordini ha raggiunto l'80% nell'ottobre 2022 e si è avvicinato al 100% nel 2023, portando quasi al completo blocco degli ordini per smaltire l'overstock. Ora, i magazzini si stanno lentamente svuotando e potremmo ipotizzare una prima ripresa nella seconda metà del 2025, ma è ancora presto per fare pronostici, i fattori in causa sono troppi e lo scacchiere internazionale non aiuta a delineare scenari chiari e confortanti.

Quali fattori influenzano le prospettive future del settore?

La difficile congiuntura geopolitica del 2023, caratterizzata dai conflitti nei Balcani e in Medio Oriente, ha avuto ripercussioni sul reddito medio delle famiglie e, di conseguenza, sulla sportindustry il cui prodotto, non essendo un bene di prima necessità. Tende a venire penalizzato quando si tratta di comportamenti d’acquisto.

Inoltre, persistono problemi nella supply chain e molti mercati sono chiusi, come quello russo, che rappresentava per molte imprese italiane un importante sbocco.

 

ANDREA PANI (Global Sales Manager KASK Cycling) e GIACOMO BASTONERO (Sales Director di Koo Eyewear)


Qual è stato l'impatto della pandemia sul vostro settore e come avete percepito il cambiamento?

Il covid ha senza dubbio rappresentato uno spartiacque importante per il settore. I primi segnali di cambiamento li abbiamo avvertiti già ad aprile 2020, sebbene i dati fossero ancora allineati con il trend di crescita degli anni precedenti. Il vero boom è esploso nel 2021, con numeri raddoppiati che si sono mantenuti fino al terzo trimestre del 2022, quando è iniziato il processo di rallentamento e normalizzazione. I mercati europei e nordamericani, più maturi, hanno subito maggiormente gli effetti negativi di questa "bolla", mentre i mercati emergenti come Asia e Sudamerica ne hanno tratto beneficio. Nel 2024, assistiamo alla grande ascesa della Cina, che appare il mercato più florido per le aziende del ciclismo e dove si stanno concentrando molti investimenti.

Quali difficoltà avete incontrato durante la pandemia e come le avete affrontate?

Abbiamo percepito la crisi principalmente attraverso lo stato di salute dei rivenditori, che durante l'emergenza sanitaria hanno riempito i magazzini per poi affrontare consegne tardive. Questo ha portato alla necessità di calibrare molto scrupolosamente gli acquisti, penalizzando i prodotti come gli accessori, ritenuti importantissimi ma non fondamentali. La programmazione è stata la difficoltà principale perché gli importatori esteri non potevano più garantire le stesse condizioni di prima. Inoltre, durante il covid siamo stati costretti a contingentare la produzione per gestire l'enorme mole di richieste.

Com’è cambiato il comportamento dei consumatori nel mondo del ciclismo?

Un aspetto interessante nell'evoluzione del mondo bike è l'aumento dei nuovi appassionati alle discipline su due ruote. Durante il covid, molti si sono avvicinati al ciclismo e, sebbene alcuni abbiano ripreso altre attività sportive, circa due su dieci si sono fidelizzati al ciclismo. Questi nuovi appassionati sono passati da entry level a utenti avanzati, cercando prodotti di alta gamma, mentre il segmento entry level sta vivendo una fase di stallo.

Quali sono i trend emergenti nel settore del ciclismo e le vostre prospettive per il futuro?

Il ciclismo al femminile è un trend in forte crescita, legato anche agli universi di design e fashion. Con il nostro brand Koo, ad esempio, abbiamo lanciato un occhiale studiato per adattarsi ai lineamenti femminili, riscuotendo molto successo. Il mercato del ciclismo è sempre più influenzato dall'estetica, oltre che dalla performance. I produttori italiani di accessori percepiscono una ripresa e si aspettano di uscire definitivamente dal tunnel nel 2025. Sebbene la supply chain continui a risentire delle conseguenze del boom incontrollato, da qualche mese si respira aria di ripresa.

 

DAVIDE ROSSETTI
  CEO di Sidi Sport e membro del Consiglio Direttivo di Assosport


Quale è l'attuale stato di salute del settore bike?

Iniziamo col dire che, per un settore come quello del ciclo che già prima del 2020 stava crescendo, seppur a ritmi non troppo sostenuti, la parentesi pandemica ha avuto una duplice valenza: positiva da un lato, perché il comparto ha tratto innegabile vantaggio dai tanti nuovi praticanti che proprio grazie al covid e alle sue restrizioni si sono avvicinati al mondo delle due ruote, negativa dall’altro perché come sempre accade in questi casi l’entusiasmo incontrollato della prima ora si è progressivamente trasformato in una sorta di tempesta perfetta i cui effetti sono tuttora sotto i nostri occhi.

Molti i fattori, di natura essenzialmente economica e geopolitica, che hanno contribuito a delineare il quadro attuale, in ripresa ma ancora avvolto da dubbi e ombre: la crescita esponenziale della domanda tra il 2020 e il 2021 non ha evidentemente trovato in un’offerta altrettanto tempestiva le risposte che cercava, in parte per problemi legati all’accessibilità delle materie prime, in parte per il rallentamento globale della logistica e della supply chain, in parte perché i lockdown temporanei che interessavano a macchia di leopardo varie nazioni nel mondo asiatico, hanno evidentemente impattato sul business delle aziende che proprio in quelle nazioni avevano dislocato parte della produzione e che si sono quindi viste costrette o a riprogrammarla altrove con conseguente dilatazione dei tempi o a lead time molto piu’ lunghi rispetto a quelli che ormai erano considerati uno standard.

E in questo contesto globale anche il consumatore è cambiato?

C’è anche da dire che dopo una prima fase di entusiasmo generalizzato il consumatore è diventato progressivamente più attento e questo ha reso tutto estremamente complicato, perché nel settore bike il business dei negozianti punta in primis sull’attrezzo e il rallentamento di questa particolare categoria ha causato rallentamenti a catena anche nelle altre. I rivenditori si sono trovati a fare i conti con enormi stock di prodotti da evadere e gestire, mentre i produttori hanno dovuto rivedere i loro parametri di gestione, non potendosi più basare su una programmazione a lungo termine che i negozianti, per i motivi elencati, non erano a loro volta piu’ in grado di garantire.
Infine, in un settore cosi poco strutturato, la scarsa disponibilità di dati di mercato non ha certo aiutato a intercettare le criticità. Con una base più precisa, infatti, il problema si sarebbe se non altro potuto contenere e circoscrivere.

Possiamo dire che ora ci si attende finalmente di tornare a crescere?

Oggi abbiamo la netta sensazione che la situazione sia migliore rispetto agli ultimi due anni, l’overstock si sta finalmente abbassando e si ritiene che una normale stagione 2024 possa fare da apripista a un 2025 finalmente assestato su ritmi più normali. È un mercato che per gli anni a venire riprenderà certamente il suo consueto andamento con le stesse modalità e prestazioni dell’era pre-covid: crescita contenuta, ma costante. Volendo rimanere ottimisti va detto anche che sta aumentando una certa consapevolezza da parte dell’individuo sull’importanza del movimento ai fini del raggiungimento del benessere psicofisico; le amministrazioni locali sono impegnate un po’ ovunque nel mondo a incentivare l’uso delle due ruote nella popolazione, anche se ovviamente alla costruzione delle piste ciclabili dovrebbe corrispondere un cambiamento culturale generalizzato, soprattutto nei paesi del Sud Europa, meno abituati a spostarsi con mezzi alternativi rispetto all’automobile. Grande impulso alla causa lo sta dando il cicloturismo, un fenomeno relativamente recente e sicuramente in espansione dopo la pandemia.
Del resto, come ho già avuto modo di ribadire, il mercato bike proprio grazie al covid si è notevolmente ampliato e le bici acquistate nel periodo clou del boom non sono abbandonate ma vengono tuttora utilizzate se è vero che qualsiasi evento bike finisce sold out nel giro di pochi giorni. Di contro, è normale che chi ha acquistato un attrezzo nel 2021 o 2022, quasi sicuramente non ne acquisterà un altro a distanza ravvicinata: le biciclette hanno un costo significativo e sono per definizione beni durevoli. Diverso è il discorso per abbigliamento e accessori che, anche solo per moda o per piacere, prevedono un ricambio maggiore.

Ci sono dei trend che fanno ben sperare anche la industry?

Analizzando poi gli altri trend di settore emersi in questi anni, possiamo affermare che il gravel – disciplina gia’ presente da qualche anno – ha trovato un’ampia possibilita’ di sviluppo ha aperto una terza macrovia di mercato, a metà tra il segmento del cross country e quello della classica pedalata su strada, con il vantaggio di un approccio più leggero alla pratica che certamente ha invogliato a cimentarsi molti nuovi appassionati.
Quello dell’ebike, invece, è un percorso più insidioso e altalenante, se non altro perché quando è partito il business (tra il 2013 e il 2015) i negozianti non ci hanno creduto fino in fondo e continuavano a chiedere bici muscolari. Le elettriche trovavano così posto negli store di moto invogliando indirettamente i produttori di moto a lanciarsi in questo settore e oggi i nodi stanno venendo al pettine perché di fatto, appunto, molti produttori di ebike non sono produttori “puri”.




ALTRE NEWS

  • NEWS11/07/2024
    ESPR: LE TAPPE PER L’APPLICABILITA’ DELLE NORMEIl 18 luglio entrerà in vigore il Regolamento (UE) 2024/1781 ESPR - Ecodesign for Sustainable Products Regulation (pubblicato il 2 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS03/07/2024
    IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGI: LE NOVITA' IN SPAGNANews a cura del partner ZPC - società benefit ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS27/06/2024
    L'INDUSTRIA DELLO SPORT E DEL FITNESS CHIEDE UN'AZIONE URGENTE E COORD...I dati diffusi ieri dall'Organizzazione Mondiale per la Sanità, relativi ad un crescente tasso di sedentarietà nella popolazione, ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS26/06/2024
    ANIMAL WELFARE PER IL TESSILE E TAGLIA UNICA EUROPEADai gruppi di lavoro nazionali e internazionali arrivano alcune importanti novità per il settore tessile ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS10/06/2024
    Luca Bettini: La Rinascita del Settore Fitness e l'Impatto della Gener...A tu per tu con il Presidente del Gruppo Assofitness di Assosport a chiusura della manifestazione Rimini Wellness ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS06/06/2024
    UE: ECODESIGN PER PRODOTTI SOSTENIBILIIl 27 maggio, il Consiglio UE ha adottato la proposta di Regolamento sull’Ecodesign (ESPR), confermando il testo approvato dal Par ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS06/06/2024
    OUTDOOR BY ISPO: UN’EDIZIONE TRA LUCI E OMBRESi è chiusa ieri OUTDOOR BY ISPO, fiera internazionale dedicata al settore outdoor andata in scena dal 3 al 5 giugno presso il cen ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS29/05/2024
    Feedback Webinar: "Tracciare l'impronta: valutazioni di impatto e sost...Il webinar, tenutosi il 29 maggio 2024, è stato organizzato in collaborazione con i partner di Assosport Cribis e Spinlife. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS30/05/2024
    RIMINI WELLNESS 2024: RICHIEDI TUTTI I VANTAGGI PREVISTI PER GLI ASSOC...Prosegue e si arrichisce la storica collaborazione tra Assosport e IEG a favore del settore fitness ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    IOG A ORBDAYS 2024: UN SUCCESSO PER LE ATTIVITA' DEL GRUPPO IN FIERAGrande fermento si è respirato alla Piazza IOG ad Outdoor&Running Business Days, la due giorni di Riva del Garda dedicata ai setto ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS23/05/2024
    ARTICOLI SPORTIVI E CONTRAFFAZIONE SUL WEB monitoraggio rimozione e al...FEEDBACK INCONTRO DEL 23 MAGGIO ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS29/05/2024
    Risoluzione sul Piano di Lavoro UE per lo Sport (EU Workplan for Sport) ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS27/05/2024
    PEDALANDO SI IMPARA: LA PAROLA AGLI ESPERTI DELLA BIKE INDUSTRY PER FA...Tra luci e ombre, il mondo dell'abbigliamento e filiera, della calzatura e dell'accessorio bike ci raccontano quali sono le attese ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS20/05/2024
    MATCH POINT: DUE MANAGER A CONFRONTOCorrado Macciò (Head) e Roberto Gazzara (SNAUWAERT) fanno il punto sull'andamento del mercato tennis e padel ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS22/05/2024
    GENOVA CAPITALE EUROPEA DELLO SPORTGare, grandi match, eventi e iniziative collaterali porranno la città ligure al centro dell'attenzione mondiale ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS04/05/2024
    CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY: OVERVIEW DELLE NORMATIVE EUROPEE ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS23/05/2024
    LA CONTRAFFAZIONE ONLINE NEL SETTORE DEGLI ARTICOLI SPORTIVI E L'IMPOR...I prodotti sportivi sono particolarmente vulnerabili alle attività illecite online, dove le imitazioni non solo causano danni econ ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    SPORT MARKET OBSERVATORY: IN CORSO LA TERZA RACCOLTAL'Osservatorio di Assosport sui dati di sell in del mondo neve ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    DIRITTO ALLA RIPARAZIONEIl 23 aprile il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva la direttiva sul cosiddetto "diritto alla riparazione" (R2RD) pe ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ECODESIGN: APPROVAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEOIl 23 aprile il Parlamento Europeo ha approvato il testo del regolamento Ecodesign (ESPR – Ecodesign for Sustainable Product Regul ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS11/04/2024
    ACCADEMIA OUTDOOR PRO 2024: apprezzato il cambio formatGrande soddisfazione espressa dai retailers e dai brand presenti a Verona ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS11/04/2024
    GET IP AND PLAY PATENT BOX: Q&A SUL NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATOAbbiamo rivolto alcune delle domande più frequenti in tema di Patent Box e deduzione sulle spese legate agli strumenti di propriet ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/04/2024
    ACCADEMIA OUTDOOR PRO 2024: SONO APERTE LE ISCRIZIONI!8 APRILE HOTEL EXPO VERONA ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS18/03/2024
    CBAM: Q&A RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE RITARDATALa Commissione Europea ha comunicato in data 29 gennaio di essere al corrente che problemi tecnici al registro CBAM hanno impedito ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/03/2024
    POOL&FITNESS CONTACT: LA TERZA EDIZIONE IN TOSCANA SI CONFERMA UN SUCC...Castagneto Carducci (LI), 21 e 22 marzo 2024 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS22/03/2024
    MERCATO BICI, ANCMA: 2023 CHIUDE A - 23%, MA CONFRONTO CON PRE-COVID E... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    UE: proposta di regolamento su imballaggio e rifiuti di imballaggio ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS06/03/2024
    IL SETTORE FITNESS IN USA ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    DIRETTIVA GREEN CLAIMS: NEGOZIATO INTERISTITUZIONALE RINVIATO ALLA PRO... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS06/03/2024
    COLLETTIVA ITALIANA A IHRSALos Angeles, 6-8 marzo 2024 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    SPESA PER CAPI SPORTIVI IN NORVEGIA È IL TRIPLO DELLA MEDIA UE ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
c.f. 00937310159
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
c.f. 00937310159