NEWS & EVENTI


NEWS 23/03/2023
RIGHT2REPAIR
Pubblicata la nuova proposta della Commissione Europea

Ieri la Commissione europea ha adottato una nuova proposta relativa a norme comuni che promuovono la riparazione dei beni, che permetterà risparmi per i consumatori e sosterrà gli obiettivi del Green Deal europeo riducendo, tra l'altro, i rifiuti. Negli ultimi decenni la sostituzione è stata spesso privilegiata rispetto alla riparazione in caso di difetti insorti nei prodotti e i consumatori non sono stati sufficientemente incentivati a riparare i beni dopo la scadenza della garanzia legale. La proposta renderà più facile e più economico per i consumatori riparare anziché sostituire i beni. Inoltre una maggiore domanda stimolerà il settore della riparazione incentivando nel contempo i produttori e i venditori a sviluppare modelli di business più sostenibili.

La proposta odierna garantirà che un numero maggiore di prodotti sia riparato nell'ambito della garanzia legale e che i consumatori dispongano di opzioni più facili e meno costose per riparare prodotti tecnicamente riparabili (ad esempio aspirapolveri o, presto, tablet e smartphone) quando la garanzia legale è scaduta o quando il bene non è più funzionante a causa dell'usura.

Nuove misure per promuovere e facilitare la riparazione e il riutilizzo 

La proposta introduce un nuovo "diritto alla riparazione" per i consumatori, sia nell'ambito della garanzia legale sia al di là di tale garanzia.

Nell'ambito della garanzia legale i venditori saranno tenuti a offrire la riparazione, tranne quando è più costosa della sostituzione.

Al di là della garanzia legale i consumatori disporranno di una nuova serie di diritti e strumenti che renderanno la riparazione un'opzione facile e accessibile:

  • il diritto dei consumatori di chiedere ai produttori la riparazione di prodotti tecnicamente riparabili ai sensi del diritto dell'UE, ad es. lavatrici o televisori. Questo diritto garantirà che i consumatori possano sempre rivolgersi a qualcuno quando scelgono di riparare i prodotti e incoraggerà i produttori a sviluppare modelli di business più sostenibili;
  • l'obbligo dei produttori di informare i consumatori sui prodotti per i quali sono tenuti a fornire la riparazione; 
  • una piattaforma online per la riparazione che consentirà di mettere in contatto i consumatori con i riparatori e i venditori di beni soggetti a ricondizionamento presenti nella loro zona. Questa piattaforma permetterà di effettuare ricerche per luogo e norme di qualità, aiutando i consumatori a trovare offerte interessanti e aumentando la visibilità dei riparatori;
  • un modulo europeo di informazioni sulla riparazione, che i consumatori potranno richiedere a qualsiasi riparatore e che garantirà la trasparenza delle condizioni di riparazione e del prezzo e renderà più facile per i consumatori confrontare le offerte di riparazione;
  • sarà elaborata una norma di qualità europea per i servizi di riparazione per aiutare i consumatori a individuare i riparatori che si impegnano a offrire una qualità superiore. Questa norma per una "riparazione facile" sarà aperta a tutti i riparatori in tutta l'UE che intendono impegnarsi a favore di norme minime di qualità, basate ad esempio sulla durata o sulla disponibilità dei prodotti.

Prossime tappe:

La proposta della Commissione dovrà essere adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Contesto 

Da un recente sondaggio Eurobarometro è emerso che il 77 % degli europei si sente responsabile di agire per limitare i cambiamenti climatici. I prodotti scartati sono spesso beni funzionali che potrebbero essere riparati ma che vengono buttati via prematuramente, generando ogni anno nell'UE 35 milioni di tonnellate di rifiuti, 30 milioni di tonnellate di risorse e 261 milioni di tonnellate di emissioni di gas a effetto serra. Inoltre la perdita per i consumatori dalla scelta della sostituzione anziché della riparazione è stimata a quasi 12 miliardi di euro all'anno. Oltre a ciò si stima che l'iniziativa porterà 4,8 miliardi di EUR in termini di crescita e investimenti nell'UE.

Tuttavia la riparazione è spesso considerata difficile dai consumatori. L'iniziativa "diritto alla riparazione" integra varie altre proposte presentate dalla Commissione per conseguire un consumo sostenibile durante l'intero ciclo di vita di un prodotto, definendo il quadro per un vero "diritto alla riparazione" in tutta l'UE.

La presente proposta rientra nel più ampio obiettivo della Commissione europea di fare dell'Unione il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, il quale può essere raggiunto solo se i consumatori e le imprese consumano e producono in modo più sostenibile.

La proposta sul "diritto alla riparazione" è stata annunciata nella nuova agenda dei consumatori e nel piano d'azione per l'economia circolare. Affronta gli ostacoli che scoraggiano i consumatori dal riparare dovuti a scomodità, mancanza di trasparenza o difficoltà di accesso ai servizi di riparazione. Incoraggia pertanto la riparazione come scelta di consumo più sostenibile, il che contribuisce agli obiettivi climatici e ambientali nell'ambito del Green Deal europeo.

La presente iniziativa integra altri strumenti che perseguono l'obiettivo del Green Deal europeo di un consumo sostenibile attraverso la riparazione. Dal lato dell'offerta, il regolamento sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili promuove la riparabilità dei prodotti nella fase di produzione. Dal lato della domanda, la proposta di direttiva sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde mette i consumatori nella condizione di decidere cosa acquistare con cognizione di causa. La presente proposta rafforza la domanda promuovendo la riparazione nella fase post-vendita. Le tre iniziative coprono l'intero ciclo di vita di un prodotto, integrandosi e rafforzandosi a vicenda.

Inoltre, l'iniziativa per la verifica delle autodichiarazioni ambientali, anch'essa adottata oggi, renderà più facile per i consumatori sostenere la transizione verde attraverso le loro scelte di acquisto e impedirà alle imprese di presentare dichiarazioni fuorvianti sui meriti ambientali dei loro prodotti e servizi. La presente iniziativa integra inoltre la proposta sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde, che definisce il quadro orizzontale contro il greenwashing.

Per ulteriori informazioni

Proposta di direttiva recante norme comuni che promuovono la riparazione dei beni

Promuovere la riparazione e il riutilizzo - Domande e risposte

Promuovere la riparazione e il riutilizzo - Sito web

Proposta di direttiva sulle autodichiarazioni ambientali

Green Deal europeo: Nuove norme per porre fine al "greenwashing" - Comunicato stampa

Nuove norme per la verifica delle autodichiarazioni ambientali - Domande e risposte

Nuove norme per la verifica delle autodichiarazioni ambientali - Scheda informativa

Iniziativa per la verifica delle autodichiarazioni ambientali - Ambiente - Commissione europea - Sito web




ALTRE NEWS

  • NEWS06/03/2024
    COLLETTIVA ITALIANA A IHRSALos Angeles, 6-8 marzo 2024 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    SPESA PER CAPI SPORTIVI IN NORVEGIA È IL TRIPLO DELLA MEDIA UE ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ACCADEMIA OUTDOOR PRO 2024: SONO APERTE LE ISCRIZIONI!Nel mese di aprile sono previste ben 3 tappe in giro per l'Italia ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS21/02/2023
    Riguarda gli interventi dei nostri ospiti all'Assemblea Generale "Lo S...Tanti interventi per raccontare lo sport declinando il tema secondo 5 aree: economia, engagement, innovazione, motivazione e inclu ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS12/02/2024
    PASSAPORTO DIGITALE PER I PRODOTTI TESSILIAperta fino al 16 febbraio 2024 la survey per valutare le categorie di informazioni da includere nel DPP ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/02/2024
    PFAS: gli obblighi di rendicontazione negli Stati UnitiL'EPA ha pubblicato nuove regole di rendicontazione che si applicano ai produtttori e importatori anche di prodotti finiti ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS21/03/2024
    POOL&FITNESS CONTACT 2024La terza edizione dell'iniziativa si terrà il 21 e 22 marzo all'interno dell'esclusivo Tombolo Talasso 5* Resort di Castagneto Car ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/02/2024
    Prodotti tessili: pubblicata la versione aggiornata della norma sui si...a cura di ZPC srl ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/02/2024
    LO SPORT ALLENA ALLA VITARivivi tutte le emozioni della giornata ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS30/01/2024
    Via libera definitivo dal Parlamento europeo: adottata la Direttiva su... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS18/01/2024
    DIGITAL EXPORT ACADEMY PER LE AZIENDE DELLO SPORTSYSTEMParte il 6 febbraio il percorso formativo Digital Export Academy® in collaborazione con ICE Agenzia per la promozione all'estero e ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO IOG VILLAGE A PROWINTERSi è svolta a Bolzano dal 10 al 12 gennaio la fiera Prowinter, fiera B2B di grande rilievo per i negozianti e noleggiatori di arti ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/02/2024
    LO SPORT ALLENA ALLA VITAPartecipa all'Assemblea Generale Assosport a Verona il 1 febbraio ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS15/12/2023
    STORIE DI BRAND - SPECIALE MONTAGNA REGISTRA OLTRE 150.000 ASCOLTICon una bella sorpresa anche dal wrapped 2023 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ITALIAN VILLAGE A ISPO MUNICH L'IOG di Assosport ha organizzato un Italian Village di 800 mq con 12 brand associati ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    PROWINTER 2024: PRESENTATE TUTTE LE NOVITA'Si è svolta questa settimana la conferenza stampa di presentazione di tutte le novità che andranno in scena in occasione di PROWIN ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    AL VIA ISPO MUNICH 2023!IOG di Assosport organizza un Italian Village nel pad. A3 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS15/11/2023
    SOSTENIBILITA’, CONFINDUSTRIA: CONSUMATORI GUIDATI DA QUALITA’ E PREZZ... ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
c.f. 00937310159
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
c.f. 00937310159