NEWS & EVENTI


NEWS 10/05/2022
SUPPLY CHAIN: COMPLESSITA' E DISRUPTION
Approfondimento a cura di Silvia Moretto, CEO DB Group, azienda associata Assosport, e Presidente Fedespedi

Cosa sta succedendo da quasi due anni nelle filiere di approvigionamento globali? Perché i servizi di trasporto internazionale hanno oggi costi elevatissimi nonostante il drastico peggioramento delle tempistiche di trasporto e consegna?

Sono queste le domande che le imprese di spedizioni internazionali – che ho l’onore di rappresentare come Presidente di Fedespedi – ricevono dalle imprese produttrici che si affidano all’industria logistica per pianificare e organizzare la propria strategia di import/export.

Nelle risposte a queste domande sta tutta la strategicità e la complessità che caratterizza il mondo del commercio internazionale e dell’industria logistica.  Se cerchiamo di rappresentare visivamente l’industria logistica, l’immagine più adeguata è quella della catena o del network: un network di operatori, servizi e infrastrutture che supportano la movimentazione fisica delle merci nel mondo attraverso i confini delle diverse nazioni che funziona correttamente se tutti gli anelli che la compongono sono integrati e sincronizzati. Proseguendo con la metafora, possiamo dire che i fenomeni a cui stiamo assistendo – congestionamenti delle filiere, aumento dei costi, ritardi e incertezze – sono gli effetti combinati di fattori esogeni ed endogeni che hanno interrotto la corretta integrazione degli anelli della catena, provocando una vera e propria “disruption” nelle dinamiche di mercato a cui eravamo abituati.

Il lockdown è stato sicuramente il fattore di detonazione di questi fenomeni: nei primi mesi del 2020 abbiamo assistito al blocco della produzione in Cina e al lock down massivo in molti paesi, e al crollo generalizzato della domanda di trasporto con rallentamenti nell’operatività dei principali hub portuali. A questo, le compagnie marittime hanno risposto con strategie di ottimizzazione dei costi e dei propri servizi riducendo l’offerta (per seguire la dinamica discendente della domanda), tagliando il numero delle toccate nei porti internazionali e ripianificando day-by-day i viaggi delle navi, con conseguente aumento dei costi degli spazi a bordo.

Con la ripresa delle attività principali e lo stop alle misure più drastiche di contenimento dell’epidemia a livello Mondo, la domanda di beni, di servizi, e di trasporto ha registrato tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate del 2020 un vero e proprio boom a cui non ha corrisposto, però, un adeguamento dal lato dell’offerta nel settore del trasporto container via mare. A causa di questo disequilibrio, il costo dei noli ha assunto un trend di crescita esponenziale arrivando in alcune tratte (come quella Far East – Mediterraneo) a segnare aumenti anche del 500%. Inoltre, le politiche di controllo dell’offerta di stiva delle shipping line hanno comportato un drastico peggioramento del servizio offerto in termini di tempi e affidabilità delle spedizioni a causa dell’inadeguatezza dei servizi garantiti rispetto alle esigenze del commercio internazionale.

Il 2021 si è chiuso, comunque, al netto di difficoltà e disservizi con ottimi risultati in termini di crescita del Pil e del commercio internazionale, a livello Mondo e anche per il nostro Paese che ha segnato un +6,1% del Prodotto Interno Lordo rispetto al 2020, sostenuto dall’aumento della domanda dei consumatori e dalle politiche di investimento da parte di Stato e imprese. Tuttavia, tutte le previsioni di crescita sono state messe in discussione con lo scoppio della crisi geopolitica tra Russia-Ucraina: è ormai chiaro che la guerra e l’applicazione delle sanzioni comprometterà la fase espansiva dell’economia aggravando, inoltre, le criticità già presenti: impennata del costo del trasporto – in particolare del trasporto container via mare – congestionamenti delle filiere di approvigionamento, crescita dei costi delle materie prime e dell’inflazione che anche nel nostro Paese ha superato il livello del 6%. A questo si aggiungono gli effetti delle chiusure degli hub logistici in Cina – dettati dalla politica zero casi-Covid - l’ultima delle quali nel centro produttivo e logistico internazionale Shanghai.           

Dunque, cosa fare?

Lavorare per rendere le supply chain sempre più resilienti grazie alla collaborazione di tutti gli attori della filiera. Come imprese di spedizioni stiamo lavorando per migliorare processi e procedure che siamo in grado di governare adeguando le nostre strutture organizzative, investendo in formazione e competenza del nostro asset più prezioso – le persone – e nell’innovazione digitale. Alle istituzioni politiche e alle autorità competenti continuiamo a chiedere di tutelare la trasparenza e la concorrenza nel mercato, in particolare nel settore dello shipping. I fenomeni presentati in questo articolo in riferimento alle politiche adottate dalle compagnie marittime si inseriscono, infatti, in una riflessione più ampia sulle strategie e scelte di mercato del mondo armatoriale iniziate ben prima del 2020 – processi di integrazione verticale, gigantismo navale, concentrazione crescente nel settore – agevolate dai vantaggi derivanti da esenzioni parziali della normativa europea sulla concorrenza (Consortia Block Exemption Regulation) di cui godono le shipping line e rispetto alle quali da anni richiamiamo le istituzioni ad aprire una riflessione. Per questo, mi preme sottolineare da ultimo come la sinergia tra industria logistica e filiere produttive possa fare la differenza anche nel sensibilizzare stakeholder, opinione pubblica, consumatori, sui vantaggi degli investimenti pubblici e privati in infrastrutture materiali e immateriali che garantiscano una risposta competitiva del sistema paese alla domanda logistica in termini di efficienza e tempestività.  




ALTRE NEWS

  • NEWS
    ImpacTO: Sport Innovazione FuturoAnche quest’anno continua la collaborazione tra Assosport e Sport Innovation Hub APS per promuovere e diffondere la consapevolezz ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS20/09/2022
    Crediti di imposta energia elettrica e gas: aggiornamentoAggiornamento a seguito dell'approvazione del decreto Aiuti Ter ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS29/11/2022
    POOL CONTACT A PISCINA 22 Tante le opportunità riservate alle aziende associate che parteciperanno all'evento di Rimini del 29 e 30 novembre ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ESENZIONE DAL DAZIO ANTIDUMPING ESTESO SU ALCUNE PARTI DI BICICLETTE ...La settimana scorsa la Commissione Europea ha pubblicato la Decision 2022/1461 in merito alle esenzioni dai dazi anti dumping su a ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS14/09/2022
    AGGIORNAMENTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA: NUOVE REGOLE ADOTTATE DALLA COM...Cosa cambia negli accordi verticali tra imprese ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/09/2022
    VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI AMBIENTALI: LIFE CYCLE THINKING ED ECO-PROFI...Webinar 13 settembre ore 9.00-11.00 workshop 22 settembre ore 09.30-12.30 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/09/2022
    Confindustria - Analisi confini della responsabilità del datore di lav... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/08/2022
    PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA FIBO 2023Assosport organizza una partecipazione collettiva per le aziende associate del mondo fitness ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS28/07/2022
    PODCAST "STORIE DI BRAND" SPORT EDITIONUn nuovo progetto dedicato ai brand dello sport ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS27/07/2022
    ASSOSPORT LANCIA IL PROGETTO “SPORT MARKET OBSERVATORY”Parte ad agosto l'osservatorio per la raccolta e analisi dei dati di sell in del mercato italiano winter sports per categoria di p ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    PROGETTO ITALIAN PAVILLON SU ALIBABA.COM – SECONDA EDIZIONEAgenzia ICE e Alibaba Group rinnovano l'accordo per la vetrina Made in Italy per l’e-commerce B2B sul marketplace Alibaba.com. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ITALIAN OUTDOOR GROUP A OUTDOOR&RUNNING BUSINESS DAYSSi è tenuta domenica 10 e lunedì 11 luglio la fiera Outdoor e Running Business Days, che ha convogliato brand, negozianti e rappre ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    NUOVO PROTOCOLLO DI SICUREZZA COVID NEI LUOGHI DI LAVOROLe principali novità introdotte ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    OUTDOOR BY ISPO 2022: GRANDE RITORNO CON PIU' DI 8000 VISITATORISi è svolta dal 12 al 14 giugno Outdoor By Ispo, la fiera di riferimento per il settore outdoor a livello europeo e internazionale ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS14/06/2022
    ITALIAN FOOTBALL DAY IN LONDONLondra, 14 giugno ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS06/06/2022
    CHIUSA LA 16° EDIZIONE DI RIMINI WELLNESS, TRA LUCI E OMBREBuon afflusso di visitatori nei primi due giorni. Ottimo riscontro per i convegni organizzati da Assosport e FIF ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    SUPPLY CHAIN: PROPOSTA NUOVO SERVIZIO "BLOCKTRAIN BY DB GROUP"Una soluzione di trasporto per sopperire alle criticità dei noli maritttimi ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    IOG RINNOVA IL PACCHETTO DI COMUNICAZIONE DIGITALE La comunicazione sarà in lingua inglese ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS10/05/2022
    SUPPLY CHAIN: COMPLESSITA' E DISRUPTIONApprofondimento a cura di Silvia Moretto, CEO DB Group, azienda associata Assosport, e Presidente Fedespedi ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS09/05/2022
    Le nuove contro-sanzioni della Russia verso l’OccidenteIl Presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto di nuove contro-sanzioni in risposta alle misure adottate dai paesi occid ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572