DATI


DATI MERCATO ARTICOLI SPORTIVI
DATI CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA
DATI ECONOMICO-FINANZIARI
ALTRI DATI
DATI CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA
  • CONFINDUSTRIA: INDAGINE RAPIDA SULLA PRODUZIONE INDUSTRIALESi trasmette in allegato l’indagine rapida sulla produzione industriale del Centro Studi di Confindustria dal titolo: “Produzione industriale ancora in calo a maggio (-1,4%). L’incertezza pesa sulle prospettive” “L’attività industriale italiana è stimata in flessione a maggio (-1,4%), dopo l’arretramento in aprile. Nel 2° trimestre 2022 si avrebbe così una contrazione già acquisita di -0,6% della produzione industriale, dovuta in particolare al rialzo dei costi dell’energia e alle difficoltà di approvvigionamento, acuiti dalle operazioni militari russe in Ucraina. Le indagini qualitative (ISTAT e IHS-Markit) continuano ad evidenziare timori riguardo la persistenza dei fattori che frenano l’attività produttiva delle imprese. ”Indagine Rapida sulla produzione industriale_4giugno2022_Confindustria.pdf
  • CONFINDUSTRIA: CONGIUNTURA FLASH“Rincari delle materie prime e scarsità colpiscono l’industria, che è ancora in ribasso. I minori contagi aiutano i servizi, che sono in parziale miglioramento. Ci sono più occupati, l’export è debole ma regge, intanto però i tassi di interesse sono in aumento. Un impatto pesante per l’economia italiana verrebbe da un eventuale blocco all’import di gas russo. L’Eurozona procede a due velocità, gli USA tra luci e ombre, mentre diversi fattori frenano gli emergenti.”Congiuntura_Flash_mag22_280522_Confindustria.pdf
  • CSC: IL PROTRARSI DEL CONFLITTO E DELLE TENSIONI SUI PREZZI DELLE COMMODITY GELA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: -2,0% A MARZO E -2,5% AD APRILE “Il CSC stima un calo della produzione industriale italiana a marzo (-2,0%), dopo il rimbalzo statistico di febbraio (+4,0%) legato alla caduta a dicembre e gennaio. I prezzi delle commodity, in particolare quello del gas naturale (+698% in media ad aprile rispetto al pre-Covid) e del Brent (+56%), sono ancora elevati, frenando l’attività produttiva lungo tutte le filiere. Le indagini sul sentiment imprenditoriale e le ridimensionate dinamiche di ordini e attese delle imprese non lasciano intravedere miglioramenti significativi nel breve termine”Indagine Rapida sulla produzione industriale_7maggio2022_Confindustria.pdf
  • CONFINDUSTRIA: INDAGINE RAPIDA CSC - IL CARO ENERGIA COLPISCE LA PRODUZIONE A DICEMBRE (-0,7%) MA SOPRATTUTTO A GENNAIO (-1,3%)La produzione industriale italiana è stimata in forte caduta a gennaio, -1,3%, dopo -0,7% a dicembre. La contrazione è dovuta al caro-energia (elettricità +450% a dicembre 2021 su gennaio 2021) e al rincaro delle altre commodity che comprimono i margini delle imprese e, in diversi casi, stanno rendendo non più conveniente produrre. A questo si sommano le persistenti strozzature lungo le catene globali del valore. Tale dinamica mette a serio rischio il percorso di risalita del PIL avviato lo scorso anno. In allegato la l’indagine rapida del Centro Studi di Confindustria dal titolo: “ Il caro energia colpisce la produzione a dicembre (-0,7%) ma soprattutto a gennaio (-1,3%)”.Indagine Rapida sulla produzione industriale_5febbraio2022_Confindustria.pdf




  •  



     

    assosport@assosport.it
    Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
    c/o CONFINDUSTRIA VENETO
    Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
    assosport@assosport.it
    Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
    c/o CONFINDUSTRIA VENETO
    Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572