NEWS & EVENTI


NEWS
Ministero della salute - Indicazioni per l'attuazione di misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 attraverso procedure di sanificazione di strutture non sanitarie
Confindustria comunica che con la circolare del 22 maggio 2020, n. 17644, il Ministero della Salute ha ripercorso gli aspetti principali dell’attività di sanificazione di ambienti, superfici, indumenti e tessuti.

 

 

Confindustria comunica che con la circolare del 22 maggio 2020, n. 17644, il Ministero della Salute ha ripercorso gli aspetti principali dell’attività di sanificazione di ambienti, superfici, indumenti e tessuti.

In precedenza, già la circolare n. 5443/2020 del Ministero della salute ed i Rapporti ISS n. 5/202019/2020 e, in particolare, 25/2020, si erano soffermati sulle caratteristiche dell’attività di sanificazione, fondamentale nel quadro delle misure per la lotta al COVID19.

In particolare, si sottolinea come il Rapporto n. 25/2020, aggiornato al 15 maggio, costituisca un valido strumento per orientare concretamente l’attività di sanificazione.

Con la circolare che si analizza, il Ministero presenta alcuni elementi relativi agli aspetti di sanificazione delle strutture non sanitarie, per facilitare l’approccio, da parte dei gestori delle attività, agli interventi sulle superfici e sugli ambienti interni, soffermandosi anche sul settore dell’abbigliamento.

Dopo una premessa di inquadramento generale delle azioni di disinfezione nell’ambito del D.lgs. n. 81/2008 e della legge 40/2007 (normativa che regola lo svolgimento dell’attività di sanificazione, disponendo sostanzialmente che essa si svolga nel rispetto del Dlgs n. 81/2008), la circolare ricorda opportunamente il ruolo fondamentale del distanziamento sociale e della igiene delle mani, ancora prima ed in aggiunta della corretta sanificazione di superfici e locali e della pulizia giornaliera.

La nota, per giustificare i prodotti da utilizzare per la sanificazione, espone le considerazioni sperimentali relative alle condizioni e tempi di permanenza del virus contenuto in materiali biologici sulle varie tipologie di superfici.

Per sanificazione si intende il complesso di procedimenti ed operazioni di pulizia e/o disinfezione e mantenimento della buona qualità dell’aria.

 

Valutazione del contesto

Svolte queste considerazioni preliminari, ed iniziando ad analizzare il tema della sanificazione, la circolare evidenzia l’importanza della valutazione del contesto: tipo di postazione di lavoro, per determinare quali tipi di superfici e materiali sono presenti nell’ambiente, che uso ne viene fatto, con che frequenza gli spazi vengono frequentati e le superfici che vengono toccate.

Si tratta di osservazioni fondamentali, perché è determinante che la sanificazione riguardi in modo specifico le superfici e gli ambienti dove si può verificare la maggior concentrazione del virus, risultando altrimenti inadeguata.

Nelle attività commerciali, ma anche più in generale, nelle attività produttive, vengono valorizzate tre azioni molto importanti:

  • pulire accuratamente con acqua e detergenti neutri superfici, oggetti, ecc.;
  • disinfettare con prodotti disinfettanti con azione virucida, autorizzati;
  • garantire sempre un adeguato tasso di ventilazione e ricambio d’aria.

 

Prodotti da utilizzare

 

In secondo luogo, si affronta il delicato tema dei prodotti da utilizzare - i cui riferimenti possono essere rinvenuti nel Rapporto n. 19/2020 e nel più recente Rapporto n. 25/2020 dell’ISS - che devono essere attentamente valutati prima dell’impiego, per tutelare la salute di lavoratori, utilizzatori, clienti e di tutti coloro che accedono alle aree sanificate. I prodotti utilizzati a scopo di disinfezione devono essere autorizzati con azione virucida come PMC o come biocidi dal Ministero della salute, ai sensi della normativa vigente.

 

Con riferimento alle tipologie di disinfettanti, la circolare rinvia al documento n. 19/2020 dell’ISS e raccomanda di prestare la massima attenzione alle etichette ed alle procedure da rispettare.

Fondamentale è anche il rinvio al Rapporto n. 25/2020, nella parte in cui descrive come orientarsi fra i disinfettanti autorizzati e richiama l’importanza di verificare l’efficacia virucida sull’etichetta del prodotto.

 

Ricordiamo che, ai fini ispettivi, le indicazioni dei luoghi sanificati, della cadenza temporale adottata e delle tipologie di disinfettanti (con allegazione dei documenti relativi ai prodotti adottati) è essenziale per dimostrare l’adeguata sanificazione.

 

La circolare indica, poi, le tipologie di prodotti consigliati in relazione alle superfici sulle quali intervenire:

 

Superfici

Principi attivi

Superfici in pietra, metalliche o in vetro escluso il legno

Detergente neutro e disinfettante virucida – sodio ipoclorito 0,1 % o etanolo (alcol etilico) al 70% o altra concentrazione, purché sia specificato virucida

Superfici in legno

Detergente neutro e disinfettante virucida (contro i virus) a base di etanolo (70%) o ammoni quaternari (es. cloruro di benzalconio; DDAC)

Servizi

Pulizia con detergente e disinfezione con disinfettante a base di sodio ipoclorito almeno allo 0.1% sodio ipoclorito

Tessili (es. cotone, lino)

Lavaggio con acqua calda (70°C-90°C) e normale detersivo per bucato; in alternativa: lavaggio a bassa temperatura con candeggina o altri prodotti disinfettanti per il bucato

 

 

Laddove in azienda dovessero essere presenti superfici o materiali di pregio storico/artistico, è possibile fare riferimento alle linee guida dell’Istituto Centrale per la patologia degli Archivi e del Libro del MIBACT.

 

 

Misure organizzative

 

Una volta in individuati i prodotti, la circolare declina le misure organizzative da adottare, in esito alla valutazione del contesto, che si riportano in tabella per maggiore chiarezza.

 

Misure organizzative

Stabilire una procedura di azione e una pianificazione preventiva contro il SARS-CoV-2

Aggiornarle secondo le istruzioni delle autorità sanitarie in ogni momento

Effettuare la registrazione delle azioni intraprese, specificando data, ora, persone responsabili, ecc. e salvare tutta la documentazione che può essere generata.

Incentivare la massima collaborazione di tutte le persone dell'organizzazione nell'adozione di misure preventive e il monitoraggio delle raccomandazioni condivise nel protocollo di

prevenzione (all. 6 al DPCM del 26 aprile 2020).

Informare e distribuire materiale informativo comprensibile desunto da fonti affidabili a tutto il

personale, relativamente agli aspetti di base del rischio di contagio:

- misure di igiene personale e collettiva

- criteri stabiliti dall'autorità sanitaria per definire se una persona è stata contaminata

- le linee guida per l'azione di fronte a un caso sospetto COVID-19

 

 Altrettanto importante è che le procedure di sanificazione siano adottate nella corretta sequenza.

1. La normale pulizia ordinaria con acqua e sapone riduce la quantità di virus presente su superficie oggetti, riducendo il rischio di esposizione.

2. La pulizia di tutte le superfici di mobili e attrezzature da lavoro, macchine, strumenti, ecc., nonché maniglie, cestini, ecc. deve essere fatta almeno dopo ogni turno.

3. Il rischio di esposizione è ridotto ancor più se si effettuano procedure di disinfezione utilizzando prodotti disinfettanti con azione virucida autorizzati (PMC o biocidi). È importante la disinfezione frequente di superfici e oggetti quando toccati da più persone.

4. I disinfettanti uccidono i germi sulle superfici. Effettuando la disinfezione di una superficie dopo la sua pulizia, è possibile ridurre ulteriormente il rischio di diffondere l'infezione. L’uso dei disinfettanti autorizzati rappresenta una parte importante della riduzione del rischio di esposizione a COVID-19.

5. I disinfettanti devono essere utilizzati in modo responsabile e appropriato secondo le informazioni riportate nell'etichetta. Non mescolare insieme candeggina e altri prodotti per la pulizia e la disinfezione: ciò può causare fumi che possono essere molto pericolosi se inalati.

6. Tutti i detersivi e i disinfettanti devono essere tenuti fuori dalla portata dei bambini.

7. L’accaparramento di disinfettanti o altri materiali per la disinfezione può comportare la carenza di prodotti che potrebbero invece essere utilizzati in situazioni particolarmente critiche.

8. Bisogna indossare sempre guanti adeguati per i prodotti chimici utilizzati durante la pulizia e la disinfezione, ma potrebbero essere necessari ulteriori dispositivi di protezione individuale (DPI, specie per i prodotti ad uso professionale) in base al prodotto.

 

La circolare si sofferma poi sugli aspetti organizzativi della sanificazione in ambiente chiuso, evidenziando che “se il posto di lavoro, o l'azienda non sono occupati da almeno 7-10 giorni, per riaprire l'area sarà necessaria solo la normale pulizia ordinaria, poiché il virus che causa COVID-19 non si è dimostrato in grado di sopravvivere su superfici più a lungo di questo tempo neppure in condizioni sperimentali”.

Si tratta di un rilievo importante, soprattutto se posto in relazione con il Protocollo del 24 aprile 2020, allegato al DPCM 17 maggio 2020, nel quale è previsto che “nelle aree geografiche a maggiore endemia o nelle aziende in cui si sono registrati casi sospetti di COVID-19, in aggiunta alle normali attività di pulizia, è necessario prevedere, alla riapertura, una sanificazione straordinaria degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni, ai sensi della circolare 5443 del 22 febbraio 2020”.

La lettura congiunta dei due passaggi rende evidente che la sanificazione, per tutti gli esercizi che sono rimasti chiusi oltre i tradizionali 14 giorni cautelativi non abbisognano di particolari sanificazioni ma di semplice pulizia ordinaria, essendo la sanificazione riservata alle ipotesi individuate dall’Autorità in caso di particolare endemia o di presenza di un malato di COVID19.

 

L’attività di pulizia

Venendo alla pulizia, il Ministero svolge tre considerazioni:

  • la maggior parte delle superfici e degli oggetti necessita solo di una normale pulizia ordinaria
  • gli interruttori della luce e maniglie delle porte o altre superfici e oggetti frequentemente toccati dovranno essere puliti e disinfettati utilizzando prodotti disinfettanti con azione virucida, autorizzati dal Ministero della salute per ridurre ulteriormente il rischio della presenza di germi su tali superfici e oggetti. (Maniglie delle porte, interruttori della luce, postazioni di lavoro, telefoni, tastiere e mouse, servizi igienici, rubinetti e lavandini, maniglie della pompa di benzina, schermi tattili.)
  • ogni azienda o struttura avrà superfici e oggetti diversi che vengono spesso toccati da più persone: occorre disinfettare adeguatamente queste superfici e questi oggetti.

Da sottolineare, quindi, la necessità di una previa valutazione complessiva per poter individuare adeguatamente i luoghi nei quali svolgere la pulizia.

Pulizia di cui il Ministero declina la procedura, nell’evidente presupposto che la disinfezione deve sempre essere proceduta dalla pulizia:

1. Pulire, come azione primaria, la superficie o l'oggetto con acqua e sapone.

2. Disinfettare se necessario utilizzando prodotti disinfettanti con azione virucida autorizzati evitando di mescolare insieme candeggina o altri prodotti per la pulizia e la disinfezione.

3. Rimuovere i materiali morbidi e porosi, come tappeti e sedute, per ridurre i problemi di pulizia e disinfezione.

4. Eliminare elementi d’arredo inutili e non funzionali che non garantiscono il distanziamento sociale tra le persone che frequentano gli ambienti (lavoratori, clienti, fornitori)

 

Opportune anche le puntualizzazioni inerenti alle procedure da adottare in relazione ai diversi tipi di materiali con i quali è realizzato l’oggetto o la superficie da pulire.

Materiale

Procedura

Materiale duro e non poroso oggetti in vetro, metallo o plastica

- preliminare detersione con acqua e sapone;

- utilizzare idonei DPI per applicare in modo sicuro il disinfettante;

- utilizzare prodotti disinfettanti con azione virucida autorizzati (vedi note 8 e 9);         

Materiale morbido e poroso o oggetti come moquette, tappeti o sedute

I materiali morbidi e porosi non sono generalmente facili da disinfettare come le superfici dure e non porose. I materiali morbidi e porosi che non vengono frequentemente toccati devono essere puliti o lavati, seguendo le indicazioni sull'etichetta dell'articolo, utilizzando la temperatura dell'acqua più calda possibile in base alle caratteristiche del materiale. Per gli eventuali arredi come poltrone, sedie e panche, se non è possibile rimuoverle, si può procedere alla loro copertura con teli rimovibili monouso o lavabili.

 

Sanificazione di abiti o tessuti

Altrettanto opportune le indicazioni relative alla sanificazione dei locali nei quali sono presenti abiti o tessuti.

A parte tutte le altre indicazioni, si sottolinea la soluzione adottata per la ordinaria sanificazione degli abiti: il vapore secco, al fine di tutelare abiti e tessuti.

Si rinvia al richiamato Rapporto ISS n. 25/2020, che si dilunga molto più dettagliatamente sulla sanificazione di questa tipologia di materiali.

 

 

Altre modalità di sanificazione non costituiscono, per ora, interventi di disinfezione

 

Infine, la circolare prende posizione in merito ad un quesito spesso posto con riferimento, in particolare, all’uso di alcune sostanze utilizzate in attività di sanificazione ricorrendo a tecniche di generazione in situ (con vaporizzazione). Si tratta dell’ozono, del cloro attivo e del perossido d’idrogeno applicati mediante vaporizzazione/aerosolizzazione.

 

Il Ministero - riducendo la portata del rapporto ISS n. 25/2020, che invece ne disciplina puntualmente le modalità di utilizzo - afferma che “tali procedure di sanificazione non assimilabili a interventi di disinfezione”: si tratta, infatti, di sostanze generate in situ che non sono autorizzate come disinfettanti, e quindi attualmente non possono essere utilizzate in attività di disinfezione”. “Solo al termine di una valutazione eventualmente positiva da parte dell’Autorità sanitaria di idonea documentazione tecnico scientifica che ne dimostri l'efficacia e la sicurezza, si potranno definire sostanze disinfettanti e si potranno autorizzare sistemi di generazione in-situ”.

 

Da rilevare che, nonostante tale posizione preclusiva (anche sul versante dei rischi nell’uso di queste sostanze), poi la circolare ne disciplina l’uso, affermando che “tali procedure possono essere utilizzate per finalità di sanificazione, intesa in questo caso come il complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante la pulizia e il controllo e il miglioramento della qualità dell’aria” (quindi in una accezione differente da quella di sanificazione, che comprende, oltre la pulizia, anche la disinfezione, azione assente nelle procedure in esame).

 

 

Ambienti esterni

 

Per gli ambienti esterni (ad es. spazi antistanti i locali dell’azienda), la circolare ritiene sufficiente la normale pulizia e non ritiene necessaria la sanificazione, salvo che si tratti di aree esterne e strutture, come bar e ristoranti, che possono richiedere azioni aggiuntive, come ad esempio disinfettare superfici dure quali tavoli, sedie, sedute all'aperto e oggetti spesso toccati da più persone

Si ricorda che per gli ambienti esterni, l’ISS ha emanato il Rapporto n. 7/2020.

 




ALTRE NEWS

  • NEWS
    COVID 19 - AGGIORNAMENTO MISURE EUROPEETutti gli aggiornamenti dalla COVID TASKFORCE di FESI - Federation of European Sporting Goods Industry, a cui Assosport partecipa ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/01/2020
    Every move counts towards better health - le nuove raccomandazioni del...A fine novembre 2020, sono state pubblicate le linee guida dell'OMS sull'attività fisica e il comportamento sedentario. Vengono fo ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    IL GRANDE FREDDO. LO SKIWEAR A -30%Ordini cancellati e merce ferma. Assosport chiede accesso al credito per sostenere la crisi del settore ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    2021: RIPARTIAMO CON LO SPORT E DALLO SPORTLa lettera della Presidente Anna Ferrino agli associati Assosport ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    22/12 - Nota aggiornamento DL Ristori ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    WINTER SPORTS IN EUROPA: LE RICHIESTE DELLA FILIERAAssosport ha sottoscritto il documento inviato da Fesi alla Commissione Europea: nero su bianco, le richieste e le proposte del se ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    TGR PIEMONTE - “SPORT FERMO: L’APPELLO DELLE IMPRESE”L’appello del presidente Anna Ferrino ai microfoni del TGR Piemonte ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS04/12/2020
    DPCM 3 dicembre 2020 - nota approfondimento ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS04/12/2020
    ISPO 2021: Q&A SESSIONVenerdì 4 dicembre ore 14.30-15.30 Assosport ha organizzato per le aziende dei winter sports una sessione di domande e risposte co ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ASSEMBLEA ITALIAN OUTDOOR GROUP: ELETTO IL NUOVO PRESIDENTEGuenther Acherer è stato eletto Presidente IOG ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS26/11/2020
    Confindustria: Domande di CIGO Covid per periodi successivi al 16 nove... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/11/2020
    Confindustria: Agenda per la semplificazione 2020-2023 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ANNA FERRINO E' IL NUOVO PRESIDENTE DI ASSOSPORTL'Assemblea Generale di Assosport ha eletto il nuovo board dell'associazione. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    EMERGENZA COVID-19Tutti gli aggiornamenti relativi ai provvedimenti e alle misure straordinarie messe in atto per fronteggiare l'emergenza generata ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Confindustria: Nozione di impresa e Quadro temporaneo sugli aiuti di S... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Confindustria: Nota DPCM 3 novembre 2020 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Confindustria: Test sierologici - Credito imposta sanificazione (art. ... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS02/11/2020
    Confindustria: Tutela della salute e sicurezza e attività sindacale ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    DPCM 24 OTTOBRE 2020Adottato il nuovo DPCM contenente le misure volte a contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS27/10/2020
    Confindustria: Messaggio Inps sul conguaglio di anticipazioni per quar... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS21/10/2020
    Confindustria: Covid-19 - Limitazioni alla libera circolazione infra-U... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS16/10/2020
    Confindustria: Credito sanificazione - Mascherine autorizzate in derog... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS15/10/2020
    Confindustria: Commento alla circolare INPS n. 3653 del 9 ottobre 2020 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS14/10/2020
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS14/10/2020
    Confindustria: DPCM 13 ottobre 2020 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS09/10/2020
    Confindustria: Profili evolutivi nell'applicazione del Protocollo 14 m... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS09/10/2020
    Confindustria: Nota a commento del DL 125/2020 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/10/2020
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    INTRODOTTI NUOVI CODICI TARIC PER LE MASCHERINE FACCIALIIl Regolamento di Esecuzione n. 2020/1369 che introduce nuovi codici tariffari per le mascherine facciali dedicate al contrasto de ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS07/10/2020
    CHECK UP GRATUITO EXPORT COMPLIANCE ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/10/2020
    NUOVA TASSA IN SVEZIA SU SOSTANZE CHIMICHE IN ABBIGLIAMENTO, CALZATURE... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/09/2020
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS10/09/2020
    SI E' CONCLUSO CON SUCCESSO OUTDOOR BUSINESS DAYS 2020 A RIVA DEL GARD...Un evento trade di riferimento per i settori outdoor e running, che coniuga in modo strategico il test materiali di tutti i princi ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/09/2020
    Confindustria: TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRIT... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/09/2020
    Confindustria: TRASPORTI-COVID-19: DPCM 7.09.2020- ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/09/2020
    Confindustria: DPCM 7 settembre 2020 in materia di ulteriori misure di... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/09/2020
    Confindustria:TASK FORCE CORONAVIRUS: ELENCO PAESI CON MISURE RESTRITT... ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572