NEWS & EVENTI


NEWS 25/05/2021
ACCORDI DI CO-BRANDING: TRA POSSIBILI OSTACOLI E OPPORTUNITA'
A cura dell'avv. Chiara Luzzato - Studio Torta

INPUT EMERSI DALL'INCONTRO CON GLI ASSOCIATI REALIZZATO IN DATA 25 MAGGIO 2021


Un brand forte, empatico e well-reputed assicura un buon posizionamento sul mercato ed è decisivo nell’ambito della comunicazione e delle attività promo-pubblicitarie di un’impresa. Per questo il brand gioca un ruolo fondamentale anche per gestire alleanze di diversa natura: licensing, cross-licensing, merchandising, sponsorizzazione e co-branding, una delle tante forme di co-marketing che consente a due imprese di allearsi per perseguire un obiettivo comune, rafforzare la reciproca competitività e dividere il rischio.


Celebre definizione è quella di Clayton Hillyer e Surinder Tikoo: “alleanza tra due o più marche note che vengono presentate contestualmente al consumatore, dando luogo ad una nuova offerta o ad un’offerta percepita come diversa dal consumatore, grazie al supporto e alla presenza di una seconda marca (marca invitata)”.

La condivisione del brand è quindi uno strumento di marketing e giuridico che sovente le aziende sperimentano per fare fronte comune alle grandi risorse richieste dal mercato in termini di idee, persone, professionalità, mezzi economici, tempo, organizzazione ecc. e proporre al consumatore soluzioni innovative, vincenti ed efficaci. L’anima del co-branding è quindi la “creatività” intesa come la capacità di valorizzare il proprio marchio e la propria immagine aziendale anche attraverso il brand altrui.


Esistono diverse tipologie di co-branding. Si parla di co-branding funzionale quando due marchi sono associati in modo da comunicare al consumatore che c’è una collaborazione tra le aziende partner nella realizzazione del prodotto co-branded. Il co-branding simbolico, invece, si realizza quando al brand del produttore viene associato un secondo marchio che ha solo valenza suggestiva.

Il co-branding di comunicazione, infine, è una forma di alleanza e di combinazione di marchi che ha mero scopo pubblicitario.

È dunque evidente che, qualunque sia la forma di co-branding prescelta, mettere in gioco il proprio brand e associarlo ad un altro – che sia coerente o quantomeno complementare rispetto al proprio – può aprire, in maniera reciproca, nuove opportunità. Come per ogni iniziativa imprenditoriale, tuttavia, è buona regola analizzare i potenziali vantaggi ma anche il margine di rischio.

Da un lato, infatti, il co-branding può:

- dare accesso a nuovi mercati, a una diversa tipologia di clientela, a canali di vendita alternativi e quindi a maggiore visibilità, vendite e ricavi;

- ampliare la propria gamma di prodotti / servizi con il duplice effetto di aumentare le vendite e soddisfare maggiormente il consumatore ed eventualmente anche di erodere quote di mercato alla concorrenza;

- aumentare la notorietà del marchio / rafforzarlo;

- favorire economie di costo e di risorse sia sul fronte della produzione che della commercializzazione e /o della pubblicità e promozione.


Dall’altro lato, però, con il co-branding non si può del tutto escludere – a seconda dei casi – un rischio di perdita reputazionale, danno di immagine, diminuzione del valore del brand, calo di vendite e dei profitti che possono derivare, per esempio, da eventi che coinvolgono l’azienda partner o dal flop del prodotto co-branded, da difficoltà di interazione e coordinamento con l’impresa partner o ancora da assenza di coerenza o complementarietà dei due brand associati.

In conclusione, per massimizzare i vantaggi e minimizzare i rischi, è consigliabile affrontare gli accordi di co-branding in modo ragionato, partendo da una chiara individuazione degli obiettivi e una oculata scelta del brand partner con cui condividere le strategie e le realizzazione del progetto; avendo poi cura di mettere in atto anche una buona procedura di controlli e verifiche.

Alla base di tutto, in ogni caso, devono esserci adeguate tutele di marchio e di eventuali altri diritti di Proprietà Intellettuale ed una solida base contrattuale.

 



ALTRE NEWS

  • NEWS
    INDAGINE "IOG RICONNESSI": I RISULTATIl'Italian Outdoor Group ha realizzato un'indagine per approfondire la conoscenza dei nuovi appassionati outdoor ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    BANDO PER LA FORNITURA DI ATTREZZATURE FITNESSScadenza 13 settembre 2021 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    BANDO FONDIMPRESA - AVVISO 1/2020Approvato il progetto formativo SPORT E COMPETITIVITA': DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA a valere sull’avviso 1/2020 del Bando Fond ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    L'IMPATTO DEL COVID SULLO SPORTDisponibili i dati dell'indagine promossa dal Dipartimento per lo Sport ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS19/07/2021
    Green pass e accesso ai luoghi di lavoro - proposta di ConfindustriaIl quadro pandemico torna a registrare in questi giorni un incremento dei contagi, associato al diffondersi, in Europa e in Italia ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    EMERGENZA COVID-19Tutti gli aggiornamenti relativi ai provvedimenti e alle misure straordinarie messe in atto per fronteggiare l'emergenza generata ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/07/2021
    Codice Doganale Comunitario - Valutazione IntermediaSuccessivamente all'incontro "Valutazione intermedia della Commissione Europea del Codice Doganale Unionale(CDU)" dello scorso 6 l ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS12/07/2021
    SONDAGGI ASSOSPORT E ANIF SULLA RIAPERTURA DEI CENTRI SPORTIVIQuanti frequentatori sono rientrati nei centri? quando torneremo ai livelli di flussi economici pre-covid? chi è interessato a par ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    LE BARRIERE ALL'ATTIVITA' FISICA E SPORTIVA: LA SEGMENTAZIONE DEGLI IT...Analisi ISPOS, IESCUM per Sport e Salute: la segmentazione della popolazione italiana ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/05/2021
    ACCORDI DI CO-BRANDING: TRA POSSIBILI OSTACOLI E OPPORTUNITA'A cura dell'avv. Chiara Luzzato - Studio Torta ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    FEELING GOOD: THE FUTURE OF THE $1,5TRILLION WELLNESS MARKET ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS31/05/2021
    BE – ITALY: L'ATTRATTIVITA' DELLE ECCELLENZE PRODUTTIVE ITALIANE SUI M...Presentata la seconda edizione dell'indagine condotta da IPSOS ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS24/05/2021
    Confindustria: Aggiornamento vaccini luoghi di lavoro ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    CONFINDUSTRIA: VACCINAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO - CHIARIMENTI ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS26/4/2021
    Confindustria: Nuovo DL COVID - Nota illustrativa ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS19/04/2021
    Ordinanza del Ministro della salute 16 aprile 2021 - Nota illustrativaE' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, l’ordinanza del Ministro della salute 16 aprile 2021. Di seguito, il link: ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572