NEWS & EVENTI


NEWS
CONFINDUSTRIA: VACCINAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO - CHIARIMENTI


Nelle ultime settimane c’è stata una diffusione di informazioni confuse da parte dei media in merito ai tempi di attivazione delle imprese nell’ambito della campagna vaccinale e in relazione al ruolo di Confindustria in tali iniziative.

Confindustria è stata la prima voce a richiedere un ruolo attivo per le imprese nelle vaccinazioni, consapevoli di quanto i vaccini costituiscano un’arma strategica per la tutela della salute pubblica e per il rilancio del sistema economico. A tal fine sono stati avviati contatti diretti con la struttura del Commissario Straordinario per l’Emergenza e con il Ministero della Salute già nei primi mesi del 2021. A marzo è stata lanciata la campagna “Fabbriche di Comunità” raccogliendo attraverso il sito internet di Confindustria la disponibilità di oltre 7300 imprese ad ospitare la campagna vaccinale.

Forte di questo risultato, e certi che tutte le imprese dovessero avere la facoltà di attivarsi, è stato definito e sottoscritto con le altre Parti Sociali il Protocollo nazionale del 6 aprile u.s.. Si è continuato a monitorarne il processo attuativo, interloquendo con tutte le Amministrazioni centrali coinvolte, dalla Presidenza del Consiglio, al Commissario straordinario, dal Ministero della Salute, a quello del Lavoro, passando per la Conferenza delle Regioni e Province Autonome, l’INAIL, fino al Garante della Privacy.

Nelle scorse settimane la struttura commissariale, sulla base di valutazioni e in accordo con le Regioni, ha preso contatto con un numero ristretto di grandi gruppi che, per caratteristiche proprie, sono stati in grado di offrire disponibilità di un numero elevato di punti vaccinali in tutto il territorio nazionale (circa 732 ad oggi).

Questa circostanza ha avuto una pessima rifrazione mediatica poiché in taluni casi si è lasciato intendere che alcuni soggetti stessero acquisendo un vantaggio attivandosi prioritariamente per vaccinare i relativi lavoratori.

In realtà, l’attivazione dei punti vaccinali messi finora a disposizione da alcuni privati è condizionata al rispetto del Piano Nazionale di vaccinazione, oltre che all’ottenimento di un nullaosta regionale. Quanto al rispetto del piano nazionale, come è noto, ad oggi resta consentito somministrare i vaccini solo ai cittadini che integrano i requisiti di prelazione stabiliti sulla base di evidenze scientifiche, in funzione dell’età anagrafica e di eventuali comorbilità.

Non è pertanto possibile al momento vaccinare, nei punti aziendali già attivati o in corso di attivazione, la generalità dei lavoratori.

Quanto ai nullaosta regionali, si registra una ritrosia di fondo e approcci molto difformi che rispecchiano le disomogeneità con cui la campagna di vaccinazione è stata fin qui condotta sul territorio.

Per contribuire a fare chiarezza su questi e altri profili, Confindustria ha già sottoposto ai suoi interlocutori una serie di quesiti puntuali che intende diffondere al Sistema in formato FAQ non appena riceverà informazioni utili.

 





ALTRE NEWS

  • NEWS
    INDAGINE "IOG RICONNESSI": I RISULTATIl'Italian Outdoor Group ha realizzato un'indagine per approfondire la conoscenza dei nuovi appassionati outdoor ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    BANDO PER LA FORNITURA DI ATTREZZATURE FITNESSScadenza 13 settembre 2021 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    BANDO FONDIMPRESA - AVVISO 1/2020Approvato il progetto formativo SPORT E COMPETITIVITA': DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA a valere sull’avviso 1/2020 del Bando Fond ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    L'IMPATTO DEL COVID SULLO SPORTDisponibili i dati dell'indagine promossa dal Dipartimento per lo Sport ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS19/07/2021
    Green pass e accesso ai luoghi di lavoro - proposta di ConfindustriaIl quadro pandemico torna a registrare in questi giorni un incremento dei contagi, associato al diffondersi, in Europa e in Italia ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    EMERGENZA COVID-19Tutti gli aggiornamenti relativi ai provvedimenti e alle misure straordinarie messe in atto per fronteggiare l'emergenza generata ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/07/2021
    Codice Doganale Comunitario - Valutazione IntermediaSuccessivamente all'incontro "Valutazione intermedia della Commissione Europea del Codice Doganale Unionale(CDU)" dello scorso 6 l ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS12/07/2021
    SONDAGGI ASSOSPORT E ANIF SULLA RIAPERTURA DEI CENTRI SPORTIVIQuanti frequentatori sono rientrati nei centri? quando torneremo ai livelli di flussi economici pre-covid? chi è interessato a par ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    LE BARRIERE ALL'ATTIVITA' FISICA E SPORTIVA: LA SEGMENTAZIONE DEGLI IT...Analisi ISPOS, IESCUM per Sport e Salute: la segmentazione della popolazione italiana ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/05/2021
    ACCORDI DI CO-BRANDING: TRA POSSIBILI OSTACOLI E OPPORTUNITA'A cura dell'avv. Chiara Luzzato - Studio Torta ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    FEELING GOOD: THE FUTURE OF THE $1,5TRILLION WELLNESS MARKET ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS31/05/2021
    BE – ITALY: L'ATTRATTIVITA' DELLE ECCELLENZE PRODUTTIVE ITALIANE SUI M...Presentata la seconda edizione dell'indagine condotta da IPSOS ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS24/05/2021
    Confindustria: Aggiornamento vaccini luoghi di lavoro ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    CONFINDUSTRIA: VACCINAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO - CHIARIMENTI ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS26/4/2021
    Confindustria: Nuovo DL COVID - Nota illustrativa ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS19/04/2021
    Ordinanza del Ministro della salute 16 aprile 2021 - Nota illustrativaE' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, l’ordinanza del Ministro della salute 16 aprile 2021. Di seguito, il link: ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572