NEWS & EVENTI


NEWS 14/09/2022
AGGIORNAMENTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA: NUOVE REGOLE ADOTTATE DALLA COMMISSIONE EUROPEA
Cosa cambia negli accordi verticali tra imprese

Il Regolamento UE n.330 del 2010 di esenzione per categoria relativo agli accordi verticali è scaduto il 31 maggio 2022. In particolare, il Regolamento esentava dalle regole di concorrenza –

definite dall’art. 101 del trattato sul funzionamento dell’UE (TFUE) – alcune categorie di accordi conclusi tra imprese operanti su livelli diversi della stessa filiera produttiva, nella catena di produzione o distribuzione (es. contratti di distribuzione esclusiva, selettiva, franchising, ecc.).

 

Il 1° giugno 2022 è entrato in vigore il nuovo Regolamento UE n.2022/720 di esenzione per categoria di accordi verticali (Vertical Block Exempion Regulation - VBER) accompagnato dalle nuove Linee Guida n.2022/C 248/01 (Guidelines), disciplina che trova immediata applicazione per i contratti sottoscritti successivamente a tale data mentre, per i contratti in vigore al 31 maggio 2022, le imprese hanno tempo fino al 31 maggio 2023 per adeguare quegli accordi verticali che non soddisfano le condizioni di esenzione previsti nel nuovo Regolamento. 

 

La nuova disciplina (VBER e Guidelines) è il risultato di un approfondito processo di consultazione e revisione da parte della Commissione Europea con le parti interessate durato 2 anni, a seguito di un contesto imprenditoriale rimodellato soprattutto dalla crescita del commercio internazionale e delle vendite online e fornisce a tutte le imprese regole e orientamenti più semplici, chiari e aggiornati utili a valutare la compatibilità dei loro accordi verticali (di fornitura e distribuzione) con le regole di concorrenza dell’UE. Sul punto infatti, nonostante il chiaro intento di garantire maggiore flessibilità ai sistemi distributivi, la portata delle novità introdotte richiede una revisione complessiva degli accordi aziendali di distribuzione e agenzia da parte delle imprese.

 

I principali cambiamenti della nuova disciplina incidono soprattutto sull’adeguamento della zona di sicurezza (safe harbour) prevista dalla precedente disciplina.

E’ stato ristretto il campo di applicazione della zona di sicurezza, ad esempio, in alcuni aspetti della doppia distribuzione (ove il fornitore vende i propri beni o servizi sia attraverso distributori indipendenti che clienti finali, operando di fatto in regime di concorrenza diretta con i propri distributori) e alcuni tipi di obblighi di parità di condizioni tra offerte su canali di vendita di terze parti (piattaforme) o canali di vendita diretta del venditore (proprio sito web) non saranno più esentati ai sensi del nuovo Regolamento ma dovranno essere valutati individualmente ai sensi dell’art. 101 del TFUE.

E’ stata per contro ampliata la portata del campo di applicazione della zona di sicurezza (safe harbour) per quanto riguarda alcune restrizioni della capacità di un distributore di rivolgersi attivamente a singoli clienti (vendite attive) e alcune pratiche relative alle vendite online (la capacità di addebitare allo stesso distributore prezzi all’ingrosso diversi per i prodotti da vendere online e offline e la capacità di imporre criteri diversi per le vendite online e offline nei sistemi di distribuzione selettiva.  

 

Una novità rilevante è l’introduzione di una nuova previsione che esclude dall’esenzione gli scambi di informazioni fra fornitore e distribuire laddove non siano direttamente connessi all’esecuzione dell’accordo, ovvero non strettamente necessari per migliorare la produzione o la distribuzione dei beni o servizi oggetto del contratto.

 

Per quanto concerne la fissazione dei prezzi di rivendita (resale price maintenance o RPM) la nuova disciplina continua a qualificare la pratica di imposizione verticale del prezzo di rivendita - da parte del produttore ai propri rivenditori - come restrizione fondamentale della concorrenza (hard core restriction) e dunque vietata. Ciononostante, le nuove Linee Guida individuano alcuni casi eccezionali ammissibili in cui le pratiche di resale price maintenance - da valutarsi caso per caso con una analisi ad hoc - possono comportare vantaggi in termini di efficienza (§ 197 a, b, c, d delle Linee Guida, quali a titolo esemplificativo il lancio di un nuovo prodotto ovvero una campagna di breve termine –dalle 2 alle 6 settimane - di prezzi bassi).

Sono da considerarsi comunque una forma indiretta di resale price maintenance le pratiche di fissazione da parte del produttore di prezzi minimi pubblicizzati (minimum advertised price policies o MAP’s).

 

Una rilevante novità riguarda l’esclusione dalla categoria delle hard core restrictions (e dunque vietate) la pratica della doppia tariffazione (dual pricing) vale a dire la fissazione da parte del produttore, nei confronti dello stesso distributore, di prezzi all’ingrosso diversi per le vendite online e offline, a condizione che la differenza di prezzo sia giustificata dai diversi investimenti sostenuti e che sia finalizzata a premiare un adeguato livello di investimenti del canale online e offline.

 

Inoltre, con riferimento al divieto ovvero alle restrizioni relative all’utilizzo di marketplace di terze parti, in linea con la giurisprudenza Coty (https://studio-bressan.com/la-sentenza-coty/) le Linee Guida stabiliscono l’ammissione in linea di principio di tale divieto in quanto limita di fatto solo una delle modalità di vendita online utilizzabili dal distributore, a condizione che tale restrizione  non abbia tuttavia l’oggetto o l’effetto di impedire l’uso effettivo della rete per la vendita dei beni e/o servizi contrattuali.

 

Questa in linea generale una panoramica delle novità introdotte, che tuttavia non esaurisce l’analisi della copiosa e complessa nuova disciplina e che va attentamente analizzata avendo a mente da una parte i desiderata dell’azienda ed il sistema distributivo scelto e concretamente operato dalla stessa e dall’altra i singoli rapporti e contratti di fatto in essere, le pratiche e le consuetudini non formalizzate, oltre ai diversi contratti di rivendita, distribuzione o agenzia sottoscritti.

 Per maggiori info e ulteriori approfondimenti visita il sito dello STUDIO LEGALE BRESSAN




ALTRE NEWS

  • NEWS23/11/2022
    FONDO NUOVE COMPETENZE: opportunità per la formazione e l'accresciment...Grazie alla collaborazione con Across Consulting Srl, Assosport informa che si è aperta l'opportunità, a partire dal 13 dicembre p ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS16/11/2022
    FEEDBACK INCONTRO "Ambush marketing in ambito sportivo e non solo"La scorsa settimana si è tenuto un webinar per gli associati Assosport sul tema “Ambush Marketing in ambito sportivo e non solo”. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS08/11/2022
    ECO DESIGN IN AMBITO CALZATURIEROL’eco design è un tema sempre più importante nell’ambito del design. Si è iniziato a parlare di sostenibilità ed ecodesign a parti ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS02/11/2022
    DUBAI ACTIVE SHOW: I FEEDBACK DELLE AZIENDE ASSOFITNESSLuci e ombre sull'edizione appena conclusasi della fiera dedicata al mondo del fitness ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    AL VIA IL PROGETTO GVO - GRUPPO VALORE OUTDOORUn'iniziativa che mira al posticipo dei saldi di fine stagione ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS25/10/2022
    TRAVEL RISK MANAGEMENTLe procedure di gestione del rischio travel ed il trasferimento al mercato assicurativo del rischio residuo ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ImpacTO: Sport Innovazione FuturoAnche quest’anno continua la collaborazione tra Assosport e Sport Innovation Hub APS per promuovere e diffondere la consapevolezz ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    MOVE CITY SPORTSi terrà il 18 e 19 ottobre a Bergamo, la prima edizione di MOVE CITY SPORT, l’evento che porta in rassegna le proposte degli oper ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    OUTDOOR: IL BILANCIO DELLA STAGIONE ESTIVALe considerazioni di alcune aziende outdoor su alcuni temi chiave ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    Inail - Bando per il finanziamento di percorsi di formazione non obbl...L’Inail propone un bando di finanziamento per circa 14 milioni di euro per erogare corsi di formazione non obbligatoria ai sensi ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ACCORDO UNI CONFINDUSTRIAGrazie all’accordo Confindustria - UNI le imprese associate potranno beneficiare del servizio di consultazione on-line della racco ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ISPO MUNICH 2022: LE AGEVOLAZIONI PER GLI ASSOCIATIGrazie alla storica e consolidata partnership tra ASSOSPORT e Messe Muenchen, anche quest’anno la nostra Associazione garantisce i ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS23/09/2022
    DL AIUTI BIS: NOVITA' IN TEMA DI LAVORO AGILEIn tema di lavoro agile, nel percorso di conversione sono state introdotte due importanti novità agli articoli 23bis e 25bis. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS20/09/2022
    Crediti di imposta energia elettrica e gas: aggiornamentoAggiornamento a seguito dell'approvazione del decreto Aiuti Ter ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS29/11/2022
    POOL CONTACT A PISCINA 22 L'evento di incontri one-to-one ad inviti che si terrà all’interno di Piscina22, il 29 Novembre, al Palacogressi di Rimini. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ESENZIONE DAL DAZIO ANTIDUMPING ESTESO SU ALCUNE PARTI DI BICICLETTE ...La settimana scorsa la Commissione Europea ha pubblicato la Decision 2022/1461 in merito alle esenzioni dai dazi anti dumping su a ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS14/09/2022
    AGGIORNAMENTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA: NUOVE REGOLE ADOTTATE DALLA COM...Cosa cambia negli accordi verticali tra imprese ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/09/2022
    VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI AMBIENTALI: LIFE CYCLE THINKING ED ECO-PROFI...Webinar 13 settembre ore 9.00-11.00 workshop 22 settembre ore 09.30-12.30 ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS13/09/2022
    Confindustria - Analisi confini della responsabilità del datore di lav... ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS01/08/2022
    PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA FIBO 2023Assosport organizza una partecipazione collettiva per le aziende associate del mondo fitness ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS28/07/2022
    PODCAST "STORIE DI BRAND" SPORT EDITIONUn nuovo progetto dedicato ai brand dello sport ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS27/07/2022
    ASSOSPORT LANCIA IL PROGETTO “SPORT MARKET OBSERVATORY”Parte ad agosto l'osservatorio per la raccolta e analisi dei dati di sell in del mercato italiano winter sports per categoria di p ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    PROGETTO ITALIAN PAVILLON SU ALIBABA.COM – SECONDA EDIZIONEAgenzia ICE e Alibaba Group rinnovano l'accordo per la vetrina Made in Italy per l’e-commerce B2B sul marketplace Alibaba.com. ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    ITALIAN OUTDOOR GROUP A OUTDOOR&RUNNING BUSINESS DAYSSi è tenuta domenica 10 e lunedì 11 luglio la fiera Outdoor e Running Business Days, che ha convogliato brand, negozianti e rappre ...
    LEGGI TUTTO
  • NEWS
    NUOVO PROTOCOLLO DI SICUREZZA COVID NEI LUOGHI DI LAVOROLe principali novità introdotte ...
    LEGGI TUTTO




 



 

assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572
assosport@assosport.it
Via Torino 151/C, 30172 - MESTRE (VE)
c/o CONFINDUSTRIA VENETO
Tel 041 2517509 - Fax 041 2517572